Ultimo appuntamento il 7 agosto a Romans d’Isonzo con “Ucci! Ucci!” di Stivalaccio Teatro

con Nessun commento

Ultimo appuntamento per INSEGUI LA TUA STORIA, il progetto di teatro ragazzi itinerante diretto da Francesco Accomando con l’organizzazione di Giampaolo Fioretti e di Cikale Operose: martedì 7 agosto (ore 21.00) al Centro Culturale Casa Candussi-Pasiani di Romans d’Isonzo (GO), la compagnia Stivalaccio Teatro porta in scena “Ucci! Ucci! – Pollicino e altre fiabe”, uno spettacolo dedicato ai bambini tra i 5 e i 10 anni in cui si raccontano le storie come si faceva una volta, tra orchi affamati, streghe e bambini astuti. Un tuffo nelle fiabe della tradizione, da Collodi a Calvino, passando dai ricordi dei nostri nonni.

“INSEGUI LA TUA STORIA”, che vede capofila il Comune di Romans D’Isonzo, con il supporto di Fondazione CariGo, BCC Staranzano e Villesse, Coop Alleanza 3.0, dal 2017 gode della direzione artistica di Francesco Accomando con l’organizzazione di Giampaolo Fioretti e di Cikale Operose.
I Comuni coinvolti nel progetto sono Romans d’Isonzo, Bagnaria Arsa, Farra d’Isonzo, Fiumicello, Mariano del Friuli, Medea, Moraro, Ruda, Villesse, Cervignano del Friuli, Terzo di Aquileia.


Stivalaccio Teatro
UCCI! UCCI! – Pollicino e altre fiabe
di Sara Allevi e Michele Mori
con Anna De Franceschi e Michele Mori
allestimento scenico e costumi Woodstock Teatro
regia Michele Mori
Due bambini, Emilio e Susanna, vivono la paura in modo diverso. Entrambi hanno ascoltato il racconto della fiaba di Pollicino e, nel buio della loro stanza da letto, s’immaginano l’arrivo dell’Orco. Emilio è terrorizzato mentre Susanna è eccitata e pronta ad affrontare il terribile mostro. L’importante è non dormire, per non farsi cogliere impreparati! Ma come fare? Per non addormentarsi le provano di tutte ma con scarsi risultati. Poi l’idea! L’unica cosa che può tenerli svegli è la paura stessa! Cominciano così a raccontarsi le storie che più li terrorizzano, condite da streghe, fantasmi e genitori crudeli! La paura diventa così un gioco in cui i due bambini si troveranno a recitare e inventare, fino a dimenticarsi dell’Orco, o meglio, a saperlo affrontare con il sorriso.
Un tuffo nelle fiabe della tradizione, da Collodi a Calvino passando dai ricordi dei nostri nonni. Fiabe tramandate di bocca in bocca, assaggiate e masticate bene bene, per restituirle in una forma nuova e originale cercando però di mantenerne il sapore antico. Tra orchi affamati, streghe, e bambini astuti, faremo un salto indietro nel tempo, quando le storie venivano raccontate davanti al caminetto, o a letto prima di addormentarsi.

 

PER INFORMAZIONI
cell. 339 4238228 – cikaleoperose@gmail.com

 

I commenti sono chiusi.